imagealt

E’ inutile negare che le modalità attuative dell’obbligo di inserire l’ASL nei curricoli scolastici hanno creato serie difficoltà alle scuole italiane. In particolare ai Licei, in genere più lontani da questo tipo di visione, tradizionalmente intesi come luoghi di formazione non professionalizzante e come strada d’accesso alla formazione universitaria. Difficoltà che sono state notevoli anche per quei Licei, come il “Marco Foscarini”, che comunque stavano da tempo realizzando diverse esperienze in sinergia con enti e istituzioni esterne.

In questi primi anni di ASL obbligatoria abbiamo anche assistito al moltiplicarsi di proposte da parte di enti, agenzie di viaggio, soggetti terzi in genere, che offrono pacchetti di attività definendole unilateralmente “riconoscibili come ASL”. Accade anche che le stesse famiglie richiedano il riconoscimento di attività, magari addirittura già concluse e progettate in piena autonomia.

Nonostante possa essere ben comprensibile che le scuole, magari preoccupate di raggiungere il fatidico monte ore per tutti gli studenti, siano risultate inclini a non andare troppo per il sottile nel riconoscimento di queste attività, è importante ribadire che l’ASL come definita dalle fonti normative sopra richiamate è essenzialmente altro.

Opportunamente, nel marzo 2017, il MIUR ha emanato, a cercar di arginare una situazione potenzialmente caotica, dei “Chiarimenti interpretativi” sulle attività di ASL. In questa fonte, al punto 15, si ricorda come gli atti negoziali tra scuola e soggetto esterno necessari sono: la Convenzione ed il Patto Formativo. Si ribadisce, con questo, che l’ASL è una “modalità didattica” diversa con cui la scuola persegue il raggiungimento dei suoi obiettivi formativi. Sono la progettualità della scuola nel suo complesso e quella dei singoli Consigli di classe ad essere chiamate in causa: nell’individuare le competenze attese, nel selezionare i partner adeguati al raggiungimento di quelle competenze, nel co-progettare con questi i percorsi formativi.

Ultima modifica il 03-03-2018