Inizia il progetto "Screening" nella scuola primaria
Anche quest'anno il PROGETTO SCREENING, necessario alla rilevazione precoce delle difficoltà di apprendimento, verrà realizzato dalle insegnanti delle classi prime con il supporto di una risorsa esterna, nella persona di una pedagogista clinica.

Può capitare che, nelle prime fasi dell'apprendimento della letto-scrittura, i bambini del primo anno della scuola primaria incontrino delle difficoltà. 

Molte di queste sono recuperabili sul piano scolastico altre, invece, andranno monitorate e, se del caso, affrontate con interventi mirati.
 
La rilevazione precoce delle difficoltà di apprendimento e il conseguente intervento mirato al loro recupero contribuiscono concretamente a prevenire il disagio e la dispersione scolastica. Un efficace strumento per la rilevazione precoce dei soggetti a rischio è uno screening specifico di tutti i bambini durante il primo anno di scuola primaria allo scopo di evidenziare i soggetti che, in questa fase d'apprendimento, non riescono ad acquisire rapidamente i contenuti proposti. Una precoce rilevazione di eventuali disturbi specifici dell'apprendimento e di situazioni di bisogni educativi speciali può, se non sempre risolvere, certamente ridurre ritardi nell'apprendimento e conseguenti ricadute sull'autostima degli alunni.

 La Legge 170/2010 - Nuove norme in materia di disturbi specifici dell'apprendimento in ambito scolastico , all'art. 3 c.3, d'altronde, attribuisce alle scuole di ogni ordine e grado il compito di "attivare, previa apposita comunicazione alle famiglie interessate, interventi tempestivi, idonei ad individuare i casi sospetti di DSA degli studenti", precisando che "l'esito di tali attività non costituisce, comunque, una diagnosi di DSA". Al Foscarini, le maestre del primo anno sono supportate in questo delicato compito da una professionista esterna.

  

 

 
Pubblicata il 12 febbraio 2020

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.